Pino Daniele: per chi cerca libertà guardando da sud   Leave a comment

Omaggio necessario a Pino Daniele, artista recentemente scomparso che non può essere dimenticato e non deve essere frettolosamente archiviato come cantante pop: questo non soltanto per il suo geniale e innato spirito musicale, che lo ha condotto ad attraversare molti stili e generi, creando un esplosivo repertorio che mescola musica tradizionale napoletana, blues, jazz, rumba, tarantella, rock progressivo e molto altro, con collaborazioni eccellenti che ne testimoniano la statura della sua figura d’artista e lo spessore della sua carriera.  Quello che però va messo in forte evidenza è il lavoro formidabile che è riuscito a fare con i suoi brani più noti, che finalmente hanno permesso di parlare di Sud collegando questa nozione geografica all’idea di libertà.  In questo, occorre notarlo e comprenderne fino in fondo il rilievo, nessuno tra i nostri letterati migliori è sinora riuscito con pari forza nell’intento.  Il Sud è sempre stato rappresentato come luogo della speranza delusa, come smarrimento dell’individualità, come oblio della volontà.  Ecco perché bisogna tornare ad ascoltare Pino Daniele, perché è stato il cantore di una libertà cercata, voluta, conquistata, offrendo un modello per il Sud.  Il brano che proponiamo è uno dei più intimi del suo album d’esordio dove la libertà emerge anche dalle mura fradicie di una casa di periferia, e fiorisce.

.

 

 

Pubblicato gennaio 24, 2015 da M in Europe

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: