Il cibo dello spirito all’EXPO: 11 religiosi firmano la Carta di Milano   Leave a comment

[Fonte: CO.RE.IS. Italiana] “È la prima volta che il cibo di tutto il mondo viene benedetto da così tante religioni”, ha affermato questa mattina il Ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina, aprendo a Expo Milano insieme al commissario unico Giuseppe Sala l’evento “Il cibo dello spirito”, svoltosi in coincidenza con la “Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato” voluta da Papa Francesco proprio oggi, 1 settembre 2015.   11 rappresentanti di Induismo, Buddismo, Ebraismo, Cristianesimo Ortodosso, Cattolico, Protestante e Islam hanno infatti espresso una particolare sintonia di intenti nel firmare la Carta di Milano, un documento sottoscritto da cittadini, società civile e imprese “per assumerci impegni precisi in relazione al diritto al cibo come adesione concreta e fattiva agli Obiettivi del Millennio per uno Sviluppo Sostenibile promossi dalle Nazioni Unite”.

Svamini Hamsananda Ghiri, Vice Presidente dell’Unione Induista Italiana
Rav Elia Richetti, già presidente dell’Assemblea Rabbinica Italiana
Maestro Carlo Tetsugen Serra, Monastero Zen “Il cerchio”
Lama Paljin Tulku Rinpoche, Centro Studi Tibetani “Mandala”
Dorothee Mack, pastora evangelica metodista
Mons. Luca Bressan, responsabile per l’Ecumenismo e il Dialogo della curia di Milano
Arciprete Traian Valdman, Diocesi Ortodossa Romena di Milano
Pastore Giuseppe Platone, pastore titolare della Chiesa Valdese
Piergiorgio Acquaviva, Consiglio delle Chiese Cristiane di Milano
Imam Yahya Pallavicini, vice presidente COREIS (Comunità Religiosa Islamica) Italiana
Asfa Mahmoud, Presidente della Casa della Cultura Musulmana di Milano

Durante l ’incontro, promosso da EXPO Milano 2015 e moderato da Simone Molteni di ExpoNet, dopo un breve intervento di sostegno all’iniziativa i religiosi hanno recitato in accordo alla propria dottrina e simbologia una benedizione sul cibo. Nel pieno rispetto delle diverse ritualità si è trattato forse di un segno di come la ricchezza delle diverse religioni presenti in Italia possa contribuire a temi etici fondamentali declinando assieme fede e responsabilità civile.

“L’augurio è che da questa Carta di Milano Expo 2015 si possa irradiare una nuova oasi di cambiamento di quella mentalità decaduta che viola e aggredisce le risorse naturali, non rispetta l’identità dell’uomo e ignora il richiamo atemporale delle religioni – ha affermato il vicepresidente COREIS, Imam Yahya Pallavicini – Un’oasi veramente ecumenica e interreligiosa dove fraternamente ci si possa dissetare e nutrire sia spiritualmente che praticamente e sostare ritrovando le corrispondenze con la dinamica dell’armonia divina e ispirare le sane ricadute tra tutti i popoli della terra” (download intervento completo).

La Carta di Milano è frutto di 42 tavoli di lavoro su temi diversi legati al cibo, fra cui anche un incontro svoltosi il 21 maggio durante lo scorso mese di Ramadan (“Il cibo dello spirito nella Carta di Milano”,leggi comunicato), al quale avevano partecipato già alcuni dei rappresentanti religiosi presenti anche oggi.

 

Pubblicato settembre 2, 2015 da M in eventi

Taggato con , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: