L’Albero di Zaffiro

giorno-della-memoria

Annunci

2 commenti

  1. Un estratto dal libro L’Albero di Zaffiro:

    Arrivammo al campo di Therezin alla fine del ’43, dopo pochi giorni mia madre, insieme ad altre giovani donne, fu trasferita a Ravensbruck.Quando mi separarono da lei smisi di parlare e di mangiare, mi ammalai di tifo e rimasi due mesi in infermeria .Quando guarii mio padre che parlava tedesco riuscì a farmi inserire nel gruppo di bambini che studiavano disegno con una famosa pittrice. Avrai saputo come era organizzato il campo: la riproduzione esatta di un qualunque ghetto ebraico, in realtà la sua tragica caricatura, un esperimento unico rispetto agli altri lager. ” La città regalata agli ebrei dal Furher “ secondo la definizione del Ministero della Propaganda nazista ormai terrorizzato dalle incalzanti richieste della Croce Rossa Internazionale. Una città di bambini.: eravamo in 15.000, ne saremmo ritornati poco più di un centinaio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...