Bando MIUR “A Scuola di OpenCoesione”   Leave a comment

è online il bando MIUR per partecipare al progetto A Scuola di OpenCoesione – edizione 2017-2018.

Come per l’edizione precedente, il bando è aperto a 200 scuole secondarie superiori di ogni indirizzo, che si cimenteranno in attività di monitoraggio civico sui territori a partire dai dati sui progetti finanziati con le risorse delle politiche di coesione.

La scadenza è fissata per lunedì 16 ottobre 2017 alle ore 12:00

Leggi la news e scopri tutte le novità di #ASOC1718 : http://www.ascuoladiopencoesione.it/bando-2017-2018/

Annunci

Pubblicato settembre 25, 2017 da M in Europe

Taggato con , , , , ,

L’EUROPA A SIRACUSA   Leave a comment

Settimana Europea della Mobilità Sostenibile   Leave a comment

settimana eu mobilità

Pubblicato settembre 15, 2017 da M in Europe

Resto al Sud   Leave a comment

Nel corso del seminario sarà data informazione su cos’è il CORPO EUROPEO DI SOLIDARIETA’ e quali sono le azioni in corso.

In tema di crescita e lavoro, presentazione di Resto al Sud”, il nuovo incentivo (Decreto legge n.91/2017) per l’imprenditoria giovanile destinato al Mezzogiorno e rappresentato da un prestito fino a 40mila euro (il 35% a fondo perduto ed il 65% a tasso zero da restituire in 8 anni) per coprire l’investimento iniziale e il capitale circolante della nuova attività. 

=> Resto al Sud per imprese giovanili

chi può accedere

neo-imprenditori under 35 residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia che non risultino già destinatari, nell’ultimo triennio, di ulteriori misure a livello nazionale a favore della autoimprenditorialità e che non siano già titolari di un’attività d’impresa in esercizio alla data di entrata in vigore del decreto legge (21 giugno 2017). 

soggetto referente

Le domande dovranno essere presentate sul sito Invitalia, soggetto gestore della misura per conto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che valuterà il progetto proposto entro 60 giorni, provvederà alla relativa istruttoria, valutando anche la sostenibilità tecnico-economica della proposta progettuale.

In caso di istanza presentata da più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 40mila euro per ciascun socio con tetto massimo ammissibile di 200mila euro per ogni singolo progetto.

Leggi il decreto in Gazzetta Ufficiale

info: EUROPE DIRECT CATANIA
CITTA’ DI CATANIA
Direzione Urbanistica e Gestione del Territorio – Decoro Urbano
Posizione organizzativa Decoro Urbano
via Biondi 8 – 95100 Catania
Tel. 0957422057; 3483633584

Pubblicato settembre 13, 2017 da M in Europe

Adeguamento rischio sismico   Leave a comment

Fino al 22 settembre è possibile presentare istanza a valere su AVVISO PUBBLICO prot. 274338 del 24/07/2017, recante: “Interventi strutturali di rafforzamento locale o miglioramento sismico o, eventualmente, di demolizione e ricostruzione di edifici privati. (Ord. del Presidente del Cons. Min. Dipart. della Prot. Civile n. 344 del 09/05/2016. Attuazione art. 11 D.L. 28/04/2009 n. 39, convertito con modificazioni, dalla legge 24/06/2009 n. 77. Contributi per la prevenzione del rischio sismico ex art. 2 comma 1, lettera c) – Annualità 2015.”

L’Ordinanza prevede finanziamenti per interventi di edilizia privata rientranti nelle seguenti tipologie: Interventi strutturali di rafforzamento locale o di miglioramento sismico o, eventualmente, di demolizione e ricostruzione, con esclusione degli interventi da realizzarsi su immobili oggetto di altri finanziamenti pubblici o di immobili non sanati.
http://www.comune.catania.it/il-comune/uffici/urbanistica/prevenzione-rischio-sismico/

Pubblicato settembre 12, 2017 da M in Europe

Taggato con

I PRINCIPI DELLA BUONA GOVERNANCE   Leave a comment

[Adattamento in chiave di Enti Locali dei principi contenuti nel Libro Bianco sulla Governance, Commissione Europea (COM(2001)428 def./2). Testo integrale attraverso il link sull’immagine]

libro bianco sulla governanceCinque principi sono alla base della buona governance e dei cambiamenti proposti nel Libro Bianco sulla Governance della Commissione Europea: apertura, partecipazione, responsabilità, efficacia e coerenza. Ciascuno di essi è essenziale al fine d’instaurare una governance più democratica. Tali principi costituiscono il fondamento della democrazia e del principio di legalità negli Stati membri, ma si applicano a tutti i livelli di governo: globale, europeo, nazionale, regionale e locale. Quanto segue è una declinazione al primo livello della scala della sussidiarietà, l’istituzione più vicina al Cittadino, e cioè il Comune, dei principi enumerati dal Libro Bianco.
Apertura. Le istituzioni devono operare in modo più aperto: gli Enti Locali, all’interno della programmazione comunitaria, nazionale e regionale, devono adoperarsi attivamente per spiegare meglio, con un linguaggio accessibile e comprensibile al grande pubblico, le decisioni. Questo principio riveste particolare importanza se si vuole accrescere la fiducia dei cittadini in istituzioni complesse.
Partecipazione. La qualità, la pertinenza e l’efficacia delle politiche delle istituzioni dipendono dalla partecipazione che si saprà assicurare lungo tutto il loro percorso, dalla prima elaborazione all’esecuzione. Con una maggiore partecipazione sarà possibile aumentare la fiducia nel risultato finale e nelle istituzioni da cui emanano tali politiche e la condivisione, intesa come ownership, come senso di appartenenza della città ai cittadini.
Responsabilità. I ruoli all’interno dei processi di formazione delle decisioni vanno definiti con maggiore chiarezza. Ma vi è esigenza di maggiore chiarezza e maggiore responsabilità anche da parte di tutti coloro che partecipano, a qualsiasi livello, all’elaborazione e all’attuazione delle politiche pubbliche.
Efficacia. Le politiche devono essere efficaci e tempestive, producendo i risultati richiesti in base a obiettivi chiari, alla valutazione del loro impatto futuro e, ove possibile, delle esperienze acquisite in passato. Per la loro efficacia, è necessario inoltre che le politiche siano attuate secondo proporzionalità e le decisioni siano adottate al livello più opportuno.
Coerenza. Le politiche e gli interventi dell’Ente pubblico devono essere coerenti e di facile comprensione. Si avverte una crescente esigenza di coerenza: le autorità regionali e locali sono sempre più coinvolte nelle politiche nazionali e dell’UE. La coerenza richiede una leadership politica e una decisa assunzione di responsabilità da parte delle istituzioni, così da assicurare un’impostazione coerente all’interno di un sistema complesso.

L’applicazione di questi cinque punti va a sostegno dei principi di:
proporzionalità e di sussidiarietà. Dalla prima elaborazione di una politica fino alla sua esecuzione, la scelta degli strumenti da utilizzare deve essere proporzionata agli obiettivi perseguiti. Ciò significa che quando si avvia un’iniziativa è fondamentale verificare sistematicamente a) se un’azione pubblica è veramente necessaria, b) se le misure proposte sono proporzionate agli obiettivi.

 

Riqualificazione via S. Euplio   Leave a comment

via s.euplio.png

Pubblicato settembre 5, 2017 da M in Europe